Skip Navigation Links

Corso di laurea triennale in Scienze della moda e del costume

(14460)

Presidente:
Prof. Alessandro Saggioro

L'industria italiana della moda è la struttura portante del made in Italy a livello di economia globale. Nel tradizionale settore tessile e abbigliamento completamente rinnovato compete alla pari con l'industria francese, anche perché si è estesa ai costumi aziendali delle imprese, degli uffici, dei servizi specializzati, dello spettacolo nelle sue varie componenti. L'industria italiana della moda, grazie alla sua creatività, competenza ed efficienza tecnica ed economico-finanziaria si è dilatata ai vari comparti del settore dell'arredamento, della persona, della casa, degli uffici, dei grandi complessi, nei servizi del tempo libero, in settori di prodotti tipici diversificati. Alla base di questo processo, che dà all'Italia punti di forza paragonabili a quelli che altri paesi hanno nel software delle industrie informatiche, vi sono componenti artistiche e culturali derivanti dal peculiare patrimonio italiano in questo campo, che l'Università e altre istituzioni hanno saputo coltivare e tradurre in ricerca e attività formativa.

Obiettivi formativi

I laureati nel corso di laurea Scienze della moda e del costume devono:

  • possedere un'adeguata formazione di base relativamente ai settori della moda e del costume, con specifico riferimento alle dinamiche di ideazione e produzione, dell'economia e management dell'industria della moda;
  • possedere strumenti metodologici e critici adeguati all'acquisizione di competenze dei linguaggi espressivi, delle tecniche e dei contesti della moda e del costume, acquisendo una formazione di base sul piano storico-letterario, simbolico e culturale;
  • possedere informazioni sull'uso degli strumenti informatici e della comunicazione telematica nell'ambito dell'industria della moda, con specifico riferimento al made in Italy;
  • essere in grado di utilizzare efficacemente, in forma scritta e orale, almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre l'italiano, con specifico riferimento al lessico della moda e alle dinamiche comunicative dell'industria della moda;
  • possedere adeguate competenze e strumenti per la comunicazione e la gestione dell'informazione.

Gli obiettivi formativi specifici del corso di laurea in Scienze della moda e del costume sono tarati sulle multiformi sfaccettature dell'universo del pianeta moda, come peculiarità culturale e economica del sistema Italia. Il corso di laurea in Scienze della moda e del costume mira a tradurre a livello formativo una sintesi di fattori umanistici, storici, artistici culturali e di fattori economico-tecnologici-gestionali con una impostazione di carattere interdisciplinare.

Sbocchi lavorativi

I laureati in Scienze della moda e del costume potranno trovare sbocchi lavorativi e svolgere attività professionali presso istituzioni pubbliche e private afferenti al sistema moda, dall'ideazione del prodotto alla sua realizzazione e alla sua comunicazione e promozione. La formazione fornita può essere intesa anche come costitutiva e integrativa di un bagaglio culturale di base per le professioni in qualsiasi modo afferenti al mondo della moda.

Requisiti di accesso

Costituisce requisito d'accesso il possesso di un diploma di scuola secondaria superiore di durata quinquennale o di altro titolo di studio conseguito all'estero, riconosciuto idoneo. Le conoscenze richieste per l'accesso sono relative ad una larga preparazione di base nell'ambito storico, artistico e letterario. Studenti provenienti da corsi di scuola media superiore quadriennali dovranno conseguire nell'arco del triennio 30 cfu aggiuntivi in materie di base.

Accesso programmato

A partire dall'anno accademico 2009-2010 è prevista una prova di accesso, cui si può partecipare a seguito di preiscrizione. Tale prova di accesso si tiene per iscritto e, ove necessario, per colloquio, fra il 15 e il 20 settembre. Il numero massimo di studenti ammissibili è 300.